Salute e benessere

Pidocchi e bambini – tutto quello che devi sapere

Pidocchi e bambini sono un connubio fastidioso che ogni madre affronta nel corso della propria vita genitoriale, infatti ognuna di noi passa una fase tremenda della propria vita, il panico da pidocchi.

 

Non importa che tuo figlio frequenti la scuola più pulita o che tu possa cercare di farlo stare lontano il più possibile da ciò che ritieni sporco, un giorno riceverai anche tu un avviso che i pidocchi potrebbero contagiarlo, ma niente panico qui vogliamo darti un valido aiuto per conoscere meglio questo problema e soprattutto come risolverlo e prevenirlo in maniera efficace.

 

Perchè i pidocchi vengono ai bambini?

Una domanda che tutti si fanno, perché nonostante le infestazioni di scuole intere si vedono le maestre con chiome fluenti e nessun problema?

La riposta è molto semplice, i bimbi hanno una diversa produzione di sebo rispetto agli adulti e la loro cute è differente.

Iniziamo a sfatare un mito, i pidocchi non prediligono le persone sporche, non è infatti loro abitudine quella di vivere nella sporcizia, non è abbastanza dunque per evitare il contagio lavarsi di frequente i capelli, anzi, per assurdo si prepara un terreno meno acido che loro adorano.

Si stabilizzano principalmente sui più piccoli proprio per l’assenza di acido nel sebo, che dopo la pubertà aumenta.

Ecco dunque risolto il dubbio del perché i bimbi sono le principali vittime dei pidocchi, e sfatato anche il mito che gli sgraditi inquilini non sono frutto di poca igiene personale.

 

Pidocchi nei bambini come riconoscerli

Quando si legge sul diario del proprio figlio l’avviso che potrebbe essere presente a scuola la presenza di pidocchi arriva il primo problema, e come sono questi animali?

Pidocchi nei bambini come riconoscerli
Pidocchi nei bambini come riconoscerli

Si potrebbe per facilità confrontare a dei microscopici ragnetti, hanno infatti delle piccole zampine con le quali si attaccano alla parte dei capelli più vicina alla cute.

Una piccola curiosità, i pidocchi prediligono la cute dei bambini europei per la conformazione del capello che tende a restare più dritta rispetto agli africani, così hanno la possibilità di aggrapparsi meglio.

Per accertarsi che vi sia un’invasione in corso è necessario accertare la presenza delle uova, denominate lendini, Vengono depositate all’attacco della cute con i capelli, perché i pidocchi che ne nascono tendono poi ad avvicinarsi alla punta.

Per verificare devi aprire con le mani i capelli del piccolo e controllare che non vi siano appunto le lendini, sono grandi massimo due millimetri e sembrano dei piccoli grappoli con chicchi in miniatura.

Se noti la presenza di queste uova allora la brutta notizia è che devi iniziare la guerra con i mezzi adatti.

Se invece non trovi lendini allora è possibile che non ci sia nessuna infestazione in corso per i tuoi figli, è comunque necessaria della prevenzione se i pidocchi sono presenti nella classe, oppure se sei una mamma apprensiva come la sottoscritta che preferisce un minimo di prevenzione naturale per tutto l’anno per difendersi sempre da questo problema, vista anche la folta chioma dei miei pargoli.

 

Pidocchi bambini come si prendono: il contagio

Attenzione, la scuola è sicuramente la principale fonte di trasmissione di queste antipatiche bestiole, ma i pidocchi si possono annidare anche al parco o in spiaggia, nei momenti in cui sei più serena che il tuo bimbo è al sicuro purtroppo loro potrebbero presentarsi.

Per quello sarebbe opportuno almeno dai quattro ai dieci anni fare prevenzione al proprio bimbo. i pidocchi non fanno salti e non volano per raggiungere la testa del malcapitato, sono infatti animaletti che non hanno come le pulci questa capacità di muoversi nell’aria.

Il contagio quindi avviene da contatto, ad esempio con lo scambio di un pettine o un qualsiasi oggetto che tocca i capelli, oppure per contagio diretto se due bimbi magari giocando s sfregano le teste vicine.

I pidocchi che depositano le uova sono di colore più chiaro, il loro compito è proprio quello di attaccarsi al bimbo, deporre alla base del capello le lendini e poi partire per una nuova missione di contagio.

Sono alla continua ricerca di zone dove depositare le uova e possono vivere per molto tempo anche nelle spazzole ecc ecc. per questo si consiglia sempre se si acclama che i figli sono affetti da questo problema di disinfettare tutto quello che è venuto a contatto con la sua testa per evitare che dopo aver debellato il problema non si debba continuare a togliere pidocchi.

 

La prevenzione e come debellare i pidocchi resistenti nei bambini

A questo punto c’è una divisione in due ideologie, quella legata a prodotti da farmacia e quelle mamme affezionate ai prodotti naturali.

Per la prevenzione non esistono dei prodotti che possano garantire che non compaiano, ma il buon vecchio pettinino a denti stretti da passare tutte le mattine e le sere è l’alleato più fedele per evitare la comparsa di questi animali.

Altra attenzione fondamentale è tenere sotto controllo, guardando la cute tutti i giorni è più semplice debellarli anche se compaiono, prese in tempo le uova, si evita il contagio di tutto il capello, e soprattutto si riduce anche il fastidio al bambino che ne è affetto.

In caso di contagio allora si può iniziare una profilassi per eliminare il problema.

In commercio esistono differenti prodotti che andremo in seguito a spiegare, ma anche continuare con il pettine a denti stretti a pulire la cute è fondamentale.

Poupy 153.6 Pettine con Dentini Morbidi e Arrotondati, Colori Assortiti
Poupy 153.6 Pettine con Dentini Morbidi e Arrotondati, Colori Assortiti
Prezzo: EUR 3,25
1 Nuovi da EUR 3,250 Usati
  • Pettine ideale per rimuovere delicatamente la crosta lattea nei primi mesi di vita del bambino
  • Dotata di denti fitti e punte arrotondate che permettono di pettinare il tuo bimbo con la massima delicatezza
  • Prodotto in Italia

Se il bambino poi lamenta prurito ed irritazione massaggiate con olio, tende a dare sollievo al bambino e soffoca i pidocchi, naturalmente seguito da una bella pulizia con il pettine nostro grande alleato.

 

Esistono proprio specifici da lendini o comunque basta siano a denti stretti per aiutare a pettinare i bimbi con questo problema.

Il fatto principale che deve starti a cuore è quello di alleviare il fastidio al bambino evitando il proliferarsi di questi sgraditi ospiti.

 

 

Prodotti per pidocchi nei bambini

In commercio si trovano molti prodotti, basta andare in una farmacia o simile e ne vengono proposti moti, vediamo quali sarebbero i migliori.

Voglio farti capire quali possono essere gli alleati migliori così saprai scegliere se spray o schiuma e a quale base, se chimica o naturale.

Iniziamo dal prodotto più naturale, l’olio di neem.

Naissance Olio di Neem Vergine Biologico - Olio Vegetale Puro al 100% - 500ml
Naissance Olio di Neem Vergine Biologico - Olio Vegetale Puro al 100% - 500ml
Prezzo: EUR 13,99
Risparmi: EUR 3,00 (17 %)
2 Nuovi da EUR 13,990 Usati
  • Adatto per essere usato nella cosmesi e per la creazione di saponi a base di oli naturali.
  • Considerato effettivo per il trattamento dei disturbi della pelle, ne promuove la guarigione e ne mantiene l'elasticità.
  • Ricco di acidi grassi essenziali e Vitamina E, è uno dei più potenti antiossidanti naturali.
  • Biologico e certificato dalla UK Soil Association.

Un olio molto spesso che soffoca le lendini e non le lascia proliferare, il suo odore è sgradevole e non piace ai pidocchi che non riescono a respirare in sua presenza.

Per qualche giorno metterne un’abbondante quantità in tutta la testa, lasciare agire ore e poi pettinare con il pettine a denti stretti è un’ottima guerra.

Lato negativo è la pesantezza dell’olio nei capelli e la difficoltà di lavarli dopo l’uso ed anche lo sgradevolissimo odore, non piace ai pidocchi ma neanche agli umani.

Per chi cerca però una soluzione dalla natura l’olio di neem è la più efficare.

Passiamo invece agli shampoo per la fase di attacco, hanno piretrina o malathion che sono sostanze chimiche che soffocano i pidocchi e bruciano letteralmente la vita delle lendini, non che l testa vada a fuoco ma seccano e non si produce al loro interno il pidocchio.

 

Spray per pidocchi per bambini

Non sono però le uniche armi a disposizione nella guerra ai pidocchi, esistono infatti spray e schiume da applicare a base siliconica, queste hanno il compito di soffocare le uova e gli animali esistenti.

Per un attacco rapido ed efficace in caso di contaminazione della cute le schiume siliconiche sono le migliori, oltre ad essere efficaci sono molto persistenti, infatti non si sciolgono fino al lavaggio dei capelli quindi il loro effetto si prolunga nel tempo.

Vosene, spray di livello avanzato repellente contro i pidocchi, per bambini, emolliente, da 150 ml
Vosene, spray di livello avanzato repellente contro i pidocchi, per bambini, emolliente, da 150 ml
Prezzo: EUR 12,10
3 Nuovi da EUR 7,250 Usati
  • Districa istantaneamente anche i nodi peggiori lasciando i capelli sani e lucidi.
  • Contiene ingredienti naturali per respingere i pidocchi: olio di citronella, olio di foglie di eucalipto, olio di foglie di rosmarino e olio di foglie di lemongrass.
  • Formula clinicamente testata che ora fornisce ulteriore protezione contro pidocchi.
  • Basta spruzzare questo prodotto sulla testa ogni giorno prima di pettinare i capelli.
  • Districa, ammorbidisce, dona lucentezza e protegge!

Per essere sicuri di debellare completamente il consiglio che diamo è quello di partire con uno spray od una schiuma, dopo aver lasciato agire di pettinare con un pettine a denti stretti e poi lavare con shampoo apposito.

Ripetere dopo tre o quattro giorni per almeno due settimane. Sicuramente il problema sarà così risolto.

 

I falsi miti e le paure delle mamme

Abbiamo in precedenza spiegato che non è sintomo di sporco il pidocchio è dunque lo può avere anche il bimbo con la mamma più attenta all’igiene di tutta la scuola, e questo mito è stato sfatato.

Anche un’altra credenza non è assolutamente vera, ovvero che con i pidocchi si rischiano le malattie.

Non sono trasmettitori di nessuna patologia, al bambino provocano solamente un gran fastidio e nei casi peggiori irritazione.

Non stiamo dicendo che sia piacevole o positivo che i pidocchi infestino la testa dei bambini, ma non prenderti nessuna paura, durante la tua lotta alla loro presenza il bambino non corre il rischio di prendere alcuna malattia. Sono due miti che mettono molta paura a tutte le mamme è per questo che abbiamo voluto dare delucidazioni per far capire alle mamme cosa sono le cose da fare e soprattutto come agire senza avere alcun dubbio in tema pidocchi.

E ultima raccomandazione, se pettinate il malcapitato con un pettine a denti stretti non è necessario rasare i capelli, sicuramente con le dovute cure possiamo lasciare la chioma al suo posto e non ci saranno ulteriori problemi di contaminazioni.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close